“Il portinaio cieco – ad limina custos – insegna allo scolaro di gesso l’algebra delle mie nostalgie”…il frammento 25 di Giorgio de Chirico

25. FRAMMENTO25

Sono un immobile ipotecato
Il portinaio cieco – ad limina custos – insegna allo scolaro di gesso
l’algebra delle mie nostalgie.
La mia finestra è un boccaporto di nave.
Il mio cavalletto è un’antenna senza la vela.
Sono un immobile ipotecato.
Riscaldato, confortato dai tepori pomeridiani – ammonito dall’ululo
quotidiano della sirena richiamatrice.
Sono un immobile ipotecato.
Oggi, giorno di S. Michele, il carrozzone giallo (F.lli X Trasporti e Spedizioni
via Caravelli 7 bis TORINO)
Ha ripompato i miei languori
Nell’autunno che sbasisce
Vuotature inodori.
Ora va lungo il canale
(rotaie della tramvia)
Verso stazioni lontane
Dell’avanticittà.

Giorgio De Chirico (Vòlo, 10 luglio 1888 – Roma, 20 novembre 1978), Tutte le poesie. Edite e inedite.

Fonte: Fondazione  Giorgio e Isa de Chirico

Per approfondire: 

http://www.fondazionedechirico.org/scritti/consultazioni/poesie/

Giorgio de Chirico "Torino a primavera" (1914)

Giorgio de Chirico “Torino a primavera” (1914)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...