“Ma si volga, con essi tu confusa, In terra, fumo, polvere, ombra, niente”… Ovvero il “carpe diem” nel sonetto “Mientras, por competir con tu cabello” di Luis de Góngora (con due traduzioni, la versione originale e inglese)

Finché dei tuoi capelli emulo vano, Vada splendendo oro brunito al Sole, Finché negletto la tua fronte bianca In mezzo al piano ammiri il giglio bello, Finché per coglierlo gli […]

Leggi l'articolo →