Editi e Notturlabio

 

Sito ufficiale:

www.simonettalongo.it

 

NOTTURLABIO

NOTTURLABIO. PREVISIONI DALL’OMBRA di Simonetta Longo ©

simonetta_longo_notturlabio_copertina_collezione_letteraria_puntoacapo

Simonetta Longo, Notturlabio. Previsioni dall’ombra, postfazione di Emanuele Spano, Collezione Letteraria di Puntoacapo Editrice, maggio 2014, pp. 124, € 13, ISBN 978-88-98224-21-0

Per ordinare Notturlabio. Previsioni dall’ombra è possibile compilare il modulo d’acquisto sul sito diPuntoacapo Editrice.
Oppure scrivere a:
acquisti@puntoacapo-editrice.com

 

SCHEDA LIBRO 

 

NOTTURLABIO: UN VIAGGIO DENTRO LA NOTTE DEI SENSI DALLA POSTFAZIONE DI EMANUELE SPANO

[…] E la parola si offre come sintesi tra il colore e il suono, come incontro tra l’icasticità delle immagini e gli adagi delle sinfonie, tra la ruvidezza della carta sotto le dita e il sapore robusto d’un calice di vino; la parola insomma si dilata, si tramuta in una cassa polifonica che registra le tante voci che si agitano dentro, facendo della poesia un prisma che riflette la luce e convoca sulla pagina ogni sfumatura. […] 

Mai come in questo caso, infatti, è opportuno parlare di un libro “concettuale” — traducendo grossolanamente quel termine concept album, pensato per la musica — o ancora di una raccolta multimediale, nel senso più ampio e meno tragicamente moderno, come un oggetto — ed è oggetto proprio in virtù della sua perfezione artigianale — da cui scaturisce una miriade infinita di suggestioni e di stimoli. Già la struttura, cadenzata in una serie di movimenti paralleli, riproduce l’alternarsi dei sensi, dalla vista, gonfia delle impressioni suscitate dall’arte, all’odorato, che trattiene i profumi e gli afrori che ha vissuto, fino al gusto e al tatto, che riproducono infine la componente più istintiva e carnale. […] 

GUIDA ALLA LETTURA DI NOTTURLABIO

Notturlabio è un classico libro di carta, e dunque da sfogliare; ma è anche un’opera multimediale da ascoltare e da guardare; i versi scaturiscono dalle sensazioni: dalla vista di dipinti famosi (Boccioni, Dalì, Munch, Waterhouse ecc.) o dall’ascolto di brani musicali (che spaziano dalla classica al rock anche più duro) — e, in alcuni casi, dalla percezione di profumi e da altri stimoli sensoriali. E il lettore può seguire lo stesso percorso letterario — e, soprattutto, esperienziale — dell’autrice: accanto alle liriche sono infatti indicate le opere figurative e i brani musicali di riferimento. Si tratta di un procedimento molto antico chiamato ecfrasi, il cui esempio più noto è la descrizione dello scudo di Achille nell’Iliade di Omero. 

Notturlabio è diviso in sei parti: vista, odorato, gusto, udito, tatto e quinto senso e mezzo (una specie di sesto senso, come scoprirà il lettore). Il volume raccoglie una serie organica di previsioni sensoriali: così vengono definite le poesie con allusione a un residuo di profeticità (in altre parole, di poeticità) ancora presente negli uomini e nelle donne d’oggi, perché il mondo della profezia (e del mito) è sempre stato considerato — fin dall’antichità — un luogo utopico (o ucronico) abitato dai poeti. 

Notturlabio si configura, pagina dopo pagina, come un’opera letteraria vicina, per molti aspetti, alle moderne ricerche visive e fono-ritmiche della poesia contemporanea: il linguaggio chiaro e contemporaneamente complesso e allusivo, lo scardinamento e il conseguente riutilizzo archeologico delle strutture della metrica tradizionale e delle figure retoriche classiche tendono a configurare le liriche di Notturlabio come profezie poetiche in tutti i sensi. L’esperienza sensoriale, sembra suggerire l’autrice, è anche un’esperienza extra–sensoriale, ossia psicologica e interiore; e ogni previsione è una chiave letteraria per aprire la porta dell’inconscio ed esperire il nostro lato scuro, attraverso un piccolo oggetto astronomico — il notturlabio appunto —, metafora dello strumento di scrittura (dallo stilo sulla tavoletta d’argilla al computer…) e del complesso meccanismo linguistico regolatore dell’andare “a capo”. 

RASSEGNA STAMPA E SAGGI SULLE OPERE DI SIMONETTA LONGO

Massimiliano Magnano, Spazi nuovi in uno spazio vuoto. Recensione di Notturlabio sulla rivista Il Segnale, anno XXXIV, n. 100, feb. 2015. —  Scarica l’allegato»

Massimiliano Magnano, Recensione di Notturlabio sulla rivista Notabilis, anno VI, n. 1, gen.-feb. 2015. —  Scarica l’allegato»

Francesco Clemente, Recensione di Notturlabio sul portale letterario Mangialibri

Nove poesie di Simonetta Longo con un commento di Giorgio Linguaglosa sul blog letterario L’ombra delle parole

Sebastiano Aglieco, Simonetta Longo, un museo dell’immaginario. Recensione di Notturlabio sul blog letterario Compitu re vivi

Mario Buonofiglio, articolo critico La memoria del profumo sul blog letterario  Poesia 2.0

Raffaele Piazza, recensione di Notturlabio sul blog letterario Poetrydream

Nazario Pardini, recensione di Notturlabio sul blog letterario
Alla volta di Leucade »

Luana Nebuloni (Luana Lyu), recensione di Notturlabio sul blog letterario
Entropia della mente »

Mario Buonofiglio, La memoria del profumo, in «Pentèlite», Morrone Editore, Siracusa, 2012.
Scarica il pdf »

Mario Buonofiglio, L’ultima emozione della maga Circe, inedito.
Scarica il pdf »

Luca Violo, Le immagini parlano. Ecfrasi di Simonetta longo, in «Pentèlite», Kerayles Melino Nerella Editore, Solarino (Sr), 2013. Seconda ristampa a cura dell’Associazione culturale Pentèlite.
Scarica il pdf »

NOTTURLABIO. Previsioni dall’ombra 

PRIMO CLASSIFICATO (ex aequo)

AL

PREMIO INTERNAZIONALE PER LA POESIA “RODOLFO VALENTINO. SOGNI AD OCCHI APERTI” QUARTA EDIZIONE (2015)

INFORMAZIONI SUL PREMIO: GIURIA E RISULTATI

Premio internazionale per la poesia “Rodolfo Valentino. Sogni ad occhi aperti” quarta edizione (2015)

Giuseppe Conte (presidente onorario)
Chicca Morone (presidente)
Anna Antolisei (vicepresidente)
Stella Mongioi (segretaria)

Giuria: Chicca Morone, Anna Antolisei, Ilaria Gallinaro, Tomaso Kemeny, Antonio Miredi, Paola Pennecchi e Silvia Venuti.

http://www.ilmondodelleidee.orgLeggi

Motivazione:

«Notturlabio, di Simonetta Longo, celebra i 5 sensi e un sesto senso tutto da scoprire. Magistrale la sua pratica dell”ecfrasi in grado di evocare opere di Dalì, Boccioni, Munch. Dai sui versi sgorgano fantasmi di sensazioni, dei veri miraggi di figure, profumi, suoni, sfioramenti di oggetti. Longo, tuttavia, rappresenta non solo la forma ma anche un’ipotetica essenza delle cose, eventi, situazioni. Da notare la prosodia, la segreta musica e il lessico prezioso dell’autrice». (Tomaso Kemeny)

*******************************************************************

Una prima versione di

NOTTURLABIO. Previsioni dall’ombra 

È STATA

FINALISTA

QUARTA CLASSIFICATA
NELLA SEZIONE
POESIA LIBRO INEDITO

AL PREMIO LETTERARIO
CITTÀ DI CASTELLO 2012

Organizzato dall’associazione culturale
Tracciati Virtuali
presieduta da Antonella Fusco

Giuria
Alessandro Quasimodo (presidente)
Valerio Massimo Manfredi
Barbara Palombelli
Alessandro Masi
Alessandro Stramaccioni
Giovanni Bogani

http://www.premioletterariocdc.it/classifiche_finali.php?menid=743

*******************************************************  Il testo Untitled  è stato pubblicato

nell’ E-book  AA.VV., Come acqua grigia sulle pietre – Collana “I Quaderni di Érato”     Copyright© 2015 La Presenza di Érato

Link per leggere l’e-Book (formato pdf):

http://lapresenzadierato.com/2015/03/21/come-acqua-grigia-sulle-pietre-v-e-book-de-i-quaderni-di-erato/

UNTITLED

la geografia della parola
in una pozza
d’acqua
rimanda segni naturali
come il volto che si rispecchia
e le impronte sul terreno
che domandano
silenzio

sotto un cielo nuovo
ginocchia a terra
il corpo arboreo
invoca radici
per capelli
se il cerchio delle spalle
è un mondo possibile

ma bisogna scavare
a fondo
con dita bambine
nel suolo
per trovare l’acqua
di un’altra lingua
e poi suturare
i labbri delle ferite
aperte
per quanto nell’anacronia
del gesto

aspettando risposte
nei planisferi delle chiocciole
così a bocca aperta
come pesci affamati
in attesa

© Simonetta Longo

Come acqua grigia sulle pietre

*******************************************************Il testo Arianna (tratto da Notturlabio. Previsioni dall’ombra) è stato pubblicato

nella plaquette Rodolfo Valentino – Sogni ad occhi aperti, IV edizione, Torino 14 febbraio 2015, Il Mondo delle Idee, a cura di Chicca Morone, Attini Arte.

simonetta_longo_tomaso_kemey_giuseppe_conte_premio_valentino_2015_plaquette_copertina

ARIANNA
Previsione da G. De Chirico, La ricompensa dell’indovino

Non è te Teseo
che attendo
la mia ragione è fuggita
col filo
e non è al tuo abbandono
che penso
È incerto il crepuscolo
nell’immobilità
dell’ombra
e del tempo
Sono sola
ma no
non sei tu che aspetto
(hai avuto la tua preda
sanguemisto
ignominia della mia casa)
A quest’ora
è troppo presto per dormire
ma nella piazza assorta
dell’infanzia
(immolata ad un toro)
ho barattato la realtà
chiudendo l’enigma
negli occhi
No, Teseo, oltre il muro
il tuo indugio non pesa più
attendo ormai
come un viaggio nuovo
la ricompensa dell’indovino
due palme di sogno
e un dio ebbro
che mi beva
la malinconia

de_chirico_indovino

De Chirico, “La ricompensa dell’indovino”

 

 

*******************************************************************

Il testo Untitled # 1 è stato pubblicato

nell’antologia La vita sostenibile. Poeticodiario 2015, a cura di Guido Oldani e Marina Bignotti, LietoColle Editore, Faloppio (CO), nov. 2014.

20150221_130454

*******************************************************

Plaquette con il testo Fluttuazioni in campo sonoro di Simonetta Longo e collage di Paolo Ricci,
Edizioni Pulcinoelefante, ed. 9310, nov. 2014, Osnago.

Fluttuazioni in campo sonoro

È ondeggiamento liquido di suoni
il ritmo se echi dilatati
riverberano in un campo di quiete sonora
così si procede per fluttuazioni di sé
come l’acqua che cammina
e ritorna sui suoi passi

Paolo Ricci, Fluttuazioni in campo sonoro, collage (variante)Paolo Ricci, Fluttuazioni in campo sonoro, collage (variante) 

*******************************************************************

La poesia  Anche la Venere di Milo

inclusa nella silloge

NOTTURLABIO. Previsioni dall’ombra

 è stata pubblicata nell’antologia: AA.VV., Luci e ombre mitomoderniste, a cura di Chicca Morone, Attini Arte, Torino, 2013.

Il volume raccoglie i testi degli autori che hanno partecipato all'”È-vento di poesia: luci e ombre mitomoderniste” che si è tenuto a Torino il 14 dicembre 2013 presso il Circolo Soci del Centro Congressi Unione Industriale della provincia di Torino.

Interventi di Giuseppe Conte, Tomaso Kemeny, Gabriella Cinti, Lia Cucconi, Donato Di Poce, Simonetta Longo, Beppe Mariano, Amos Mattio, Paola Pennecchi, Fabio Prestifilippo, Luigi Scala, Silvia Venuti, Massimo Maggiari e Chicca Morone.
Ospiti: Anna Antolisei, scrittrice; Antonio Attini, fotografo; Flaminio Di Biagi, italianista; Barbarah Guglielmana; Vincenzo Zitello, musicista. Fotografie di Antonio Attini.

ANCHE LA VENERE DI MILO
Pianterreno del Louvre, ala Sully, sala 16

«Riportami alla mia isola!
sono stanca d’occhi
e immobilità

meglio era essere divisa
in due che portare la mela
del vincitore

la mia bellezza da gendarme,
caro Renoir, m’estenua
sotto i fari

e poi, chi mi ha sottratto
orecchini bracciale e fascia per capelli?
è dura l’ansia dei fori vuoti

pazienza la nudità,
ma non sapere neanche chi sono
e cosa ho perduto…

dammi la corona o almeno lo specchio
o uno scudo!
come vuoi che mi guardi il naso posticcio?

ed essere perfetta sempre
in assenza di braccia mani
e pure di un piede, credimi, stanca

potrei appoggiarmi a una colonna
o alla tua spalla
quest’aria viziata mi sfianca»

«E, così, mia cara,
anche la Venere di Milo suda
attraverso il marmo…»

simonetta_longo_luci_ombre_mitomoderniste_torino_2013

*******************************************************************

Premio nazionale di poesia “Mimesis” 2014, XVII edizione:

Il testo Retrogusto ha ottenuto una Menzione di Merito per votazione e per valutazione del Presidente di giuria Valentino Zeichen.

Retrogusto è presente nell’antologia ufficiale del premio: AA.VV., Passaggio a livello senza barriere, Rupe mutevole Edizioni, Bedonia (Parma) 2014.

RETROGUSTO

Nel retrogusto dell’inverno
ho annegato
la mia impossibile estate
e mangio a spicchi
i giorni
per ingannare l’attesa
davanti allo specchio impassibile
alle mie brame.

Ho assaggiato il volo
ma la dolcezza del gesto
m’è costata tre giri
di hula hoop all’inferno
e ritorno.
Non si bara col prestigiatore
quando nel mazzo
si ha in sorte
l’antiregina di fango.

Il tempo è un abisso
di rovente catrame
in cui la vita affonda
come un tacco.

Forse è per questo
che tremo
d’estate.

*******************************************************

I testi Pentèlite o delle cinque pietre e le Postille                         sono stati pubblicati sulla rivista letteraria «Pentèlite, scritture letterarie di Sicilia», Morrone Editore, Catania, 2014.

*******************************************************

La poesia Orfeo

inclusa nella silloge

NOTTURLABIO. Previsioni dall’ombra

ha ottenuto una

MENZIONE 

al

PREMIO INTERNAZIONALE

“RODOLFO VALENTINO
SOGNI AD OCCHI APERTI”
TERZA EDIZIONE 

In giuria:
Giuseppe Conte
Tomaso Kèmeny
Anna Antolisei
Roberto Bertoldo
Ilaria Gallinaro
Antonio Miredi
Chicca Morone
Paola Novaria

Il premio volge lo sguardo con particolare attenzione al movimento letterario Mitomodernismo, nato nell’ottobre del 1994 a Firenze e di cui Giuseppe Conte (presidente onorario) è uno dei padri fondatori.

Comitato Fondatore: Anna Antolisei – Roberto Bertoldo – Roberto Carifi – Giulia Carluccio – Giuseppe Conte – Piero Flecchia – Ilaria Gallinaro – Pier Giorgio Gili – Alessandro Guglielmi – Janus – Anna Lauria – Maria Grazia Maramotti – Luigi Mariani – Angelo Maugeri – Antonio Miredi – Stella Mongioi – Sandro Montalto – Chicca Morone – Bruno Oddenino – Donata Pesenti – Irma Piovano – Paolo Ruffilli – Maria Luisa Spaziani – Vincenzo Zitello.

http://www.ilmondodelleidee.org

ORFEO

Amore
la tua voce è così dolce
così disperato il tuo canto
anche la roccia piange
anche le foglie lo assecondano
precipitando
e se il fiume trattiene la sua corsa
senza fine
anche lui sospira
il Signore senza pietà
allora perché?
perché tanto timore?
non voltarti, Amore
non voltarti
non guardarmi ancora
le nebbie di questo cieco cammino
non mi perderanno
saremo liberi
e felici
ancora
ma non voltarti, Amore
ah, gioia
ah, tempo che m’abbandoni
e che belli
e crudeli i tuoi occhi
più fatali del morso del serpe
ora che mi offrono alla seconda morte
accarezza la mia mano d’ombra
Amore
Ecco il dio mi trascina lievemente
Addio mio Poeta

Mi straziarono sacerdotesse d’ebbrezza
invidiose
ma io solo cantavo il tuo nome
mentre pezzi di me
arrossavano il fiume
la lira portò la mia voce
fino al Padre
che pianse
ora splendo ogni notte
invocando i tuoi occhi d’abisso
e la verità
Sì, mi voltai
sono Orfeo

Gustave Moreau "Orfeo"

Gustave Moreau “Orfeo”

Il testo Orfeo

è stato pubblicato 

nell’ antologia curata da Tomaso Kemeny: AA.VV., La nascita della quarta Grazia, Arcipelago Edizioni, Trezzano sul Naviglio (Mi), 2013.

Il volume raccoglie i testi degli autori che hanno partecipato all’evento a cura di Tomaso Kemeny “Danza e Poesia. Per il primato della creatività nella bellezza e nella giustizia”, La Casa della Poesia, Milano, 28 marzo 2013. Al volume è allegato un DVD video.

Elenco dei partecipanti: Roberto Barbolini, Gabriella Cinti, Marina Corona, Valentina Ferri, Tomaso Kemeny, Simonetta Longo, Francesco Macciò, Beppe Mariano, Chicca Morone, Paola Pennecchi, Carmelo Pistillo, Fabio Prestifilippo, Quirino Principe, Ottavio Rossani, Luigi Scala, Silvia Tomasi, Silvia Venuti. Erano inoltre presenti, per la parte artistica, le danzatrici Adelina Voskonian, Debora De Chicco, Cinzia Scarcelli, Marina Aurora, e l’attore Franco Sangermano.

simonetta_longo_quarta_grazia_kemeny

Per acquistare il libro (pagine 82 con DVD allegato, € 10), contattare l’editore:

Arcipelgo Edizioni
via G. Pergolesi, 12
20090 Tezzano sul Naviglio (Mi)
info@arcipelaoedizioni.com

Isbn 978–88–7695–498–6

*******************************************************************

Il testo About nothing

incluso nella silloge

NOTTURLABIO. Previsioni dall’ombra

è stato pubblicato sull’antologia: AA.VV., Verba agrestia, LietoColle Editore, Faloppio (Co), 2013. Presidente del premio: Anna Maria Farabbi.

ABOUT NOTHING

Se nel campo dove
alcuni sono capaci
ancora di tenere al filo
le nuvole
non la vedrai
è perché seppe
di non avere albero
ad aspettarla
né nome con cui essere chiamata

scoprì che con la pioggia
se n’erano andati i colori
senza lasciare promesse
lei che avrebbe voluto anche solo
una lettera
(scarlatta?)
per farsene iniziale
e cuscino

l’ora legale giunge
incurante della primavera
che sembra preferire
baci plutonei ai farisaici
sorrisi dei mortali
così ogni giorno le strappano
la notte di dosso
e non sanno quanto fa male
restare lì
nuda di parole

rosicchiando una radice
amara
e ricordando giusto un titolo
molto rumore
per nulla

verba_agrestia_2013_simonetta_longo

*******************************************************************

La poesia Lithium (A L.) 

inclusa nella silloge

NOTTURLABIO. Previsioni dall’ombra

è pubblicata nell’antologia “IL SEGRETO DELLE FRAGOLE” – ed. 2013 a cura di Marinella Polidori e Agostino Cornali, Lietocolle

AA.VV. – “Il segreto delle fragole 2013”, Lietocolle

Asleep di Lee Price

Tema: il vuoto nutrimento nell’era bulimica 

“La quindicesima edizione de “Il segreto delle fragole” nasce dalla volontà di raccogliere voci poetiche che possano dare testimonianza di quel sentimento di vuoto che contraddistingue ormai la condizione di individui postmoderni…” (dalla prefazione dei curatori)

La poesia è presente nella sezione “Le fragole d’autunno”

 LITHIUM (A L.)

Quando mi svegliai
anche i sogni avevano occhi
spalancati
e trovai me stessa bambina
le luci del passato
lampadari spenti nel buio
d’improvviso accesi
il sottosuolo si spalancò
come memorie
perdute e ritrovate
dentro un flusso ininterrotto di parole
Fu cadere in un pozzo
la verità
Il passato è statua immobile
d’angelo ambiguo che cova silenzio
con una mano incrociata sul petto
l’altra celata-a brandire una spada
Pagati i sogni goccia a goccia
oggi ho scagliato un fendente
per infrangere
i cristalli di ghiaccio
del ricordo
e ritrovare in ogni scheggia
me stessa

*******************************************************************

La poesia “La maga”

inclusa nella silloge

NOTTURLABIO. Previsioni dall’ombra

è stata pubblicata

sulla rivista letteraria “Pentelite 2012 – Scritture letterarie di Sicilia”, Morrone editore, Siracusa. La rivista è a cura del dott. Giuseppe Pettinato.

LA MAGA (Ecfrasi dal dipinto “Circe invidiosa “di J.W.Waterhouse)

Non potevo trattenerti
era scritto nelle linee del tempo
nonostante le esche
e le rose nere di parole
che avevo evocato per te
non si può fermare la primavera
e asciugare la sete di nuovi orizzonti
dagli occhi
non potevo trattenerti
ambivi ad una terra da riconquistare
la tua
e io offrivo solo canti notturni
ora guardo la tua nave d’assenza
abbandonarmi
in un silenzio di sabbia
quando giunge l’autunno
non potevo trattenerti
dovevo saperlo
−hai occhi di cielo−
Non si può innamorarsi di te
Ulisse

Waterhouse “Circe invidiosa”

*******************************************************************

Sempre su “Pentelite” è stata pubblicata

la poesia“Chanel n.5” all’interno del saggio “La memoria del profumo” del critico  Mario Buonofiglio:

CHANEL N.5

Questo folle amore
svanirà come scia di profumo
nel tempo
il ricordo di un anno impazzito
un segreto che brucia negli occhi
giorni di attese e finzioni
nello scorrere di parole
dette e trattenute
questo folle amore
che consuma le notti
gocce di desiderio
sui vetri della malinconia
treni in fuga dalla mente
verso un tuo sorriso
si sgretolano le albe
in assenza di un gesto
Questo folle amore
respira un sogno d’oscurità
il tuo riflesso nello specchio
mentre scompari
è un delirio in corsa
per fermarti in un abbraccio
in un bacio non mio
un errore
Questo amore folle
un viaggio in bilico
su ponti di solitudine
ma sarò viva
in letti caldi di nostalgia
solo per ricordarne
la profumata carezza

*******************************************************************

Sul Blog di Letteratura “Alla volta di Leucade” del poeta Nazario Pardini sono presenti, oltre a “La maga”, le liriche “Nike (Mutilata) e “L’ossessione di Dalì”.

http://nazariopardini.blogspot.it/2012/05/la-maga-previsione-dal-dipinto-j.html

NIKE (MUTILATA)

Mi dà brividi il vento
troppo leggera è la veste
sotto cui freme il marmo pario
ma devo forzare le ali
all’impeto:
Ecco la triremi!
Vi annuncerò la gloria, soldati,
dall’ombelico che vi ispira
già sulla prua
il piede destro si posa
a mietere attese
con petto proteso
all’offerta
Eppure qualcuno osò
profanarmi il sogno
(e ancora mi si chiede
dove smarrii le braccia
la testa)
È questo vento
non dà tregua al possesso
pieno
d’ogni mia forma
e l’unica mano divisa
sarà sospesa tra un saluto
e il nome in cui mi chiamano:
Vittoria

Nike di Samotracia

L’OSSESSIONE DI DALÌ (Ecfrasi da “Reminiscenza archeologica dell’ Angelus di Millet” di S. Dalì)

Siamo continenti alla deriva
Non guarderemo mai lo stesso orizzonte
E non pronuncerò mai il tuo nome, il tuo nome Amore
I tuoi occhi saranno voli di corvi ad Ovest
I miei occhi languori in un’alba di stelle
Andrai lontano
Ogni giorno un passo
Oltre i confini di noi
In un crollo di inviolabili colonne
Guarderò la tristezza della tua ombra
Che dilegua in questo cielo venato d’abbandono
E lampi di malinconie
Trafitta dai pini del ricordo
La mia anima abbraccerà il silenzio
Di un addio taciuto
Echi di me ti attraverseranno
Come crepuscoli di parole e poesie
Nelle fessure del tuo essere di pietra
Siamo anni che si rincorrono
Non conosceremo mai lo stesso istante
E non pronuncerai mai il mio nome, il mio nome Amore.

Dalì “Reminiscenza archeologica dell’ Angelus di Millet”

Annunci

Una risposta a “Editi e Notturlabio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...